Food 4 Thought goes to school …

Si, proprio così. Io, la fotografa di ‘panza’, la donna da sempre allergica ai corsi di tutti i tipi, quella a cui piace smanettare in modo empirico (chissà che succede se premo quel tasto, se cambio quel settaggio, se giro quella rotellina???), quella che – digiuna di fotografia – per caso apre un blog e dopo sei mesi decide che magari è il caso di dare almeno una scorsa veloce al manuale della compattina di casa … sempre io, oggi ho partecipato ad un corso di fotografia e food styling! Non uno qualsiasi, si badi bene, bensì uno dei workshop organizzati da Barbara Torresan di ‘babs(r)evolution e da Rocco Paladino il (bravissimo, paziente e gentilissimo) fotografo che regolarmente collabora con lei.

Bello, bello, bello!

Bello incontrarsi con un gruppo di un’altra dozzina di appassionati, foodblogger e non, interessati ad imparare tanto quanto a condividere le proprie esperienze e i propri punti di vista – senza spocchia o pretese da pseudo professionisti.

Bello scoprire i ‘trucchi’ da food stylist di Babs, raccontati con semplicità e partecipazione.

Bello assorbire le parole di Rocco che ci hanno guidato con facilità dalle basi teoriche alla discussione di metodi e preferenze stilistiche, sempre coinvolgendoci in prima persona.

Bello buttarsi e raccogliere la sfida di fotografare i set preparati per noi da Babs con l’assistenza della Viz (simpatica lei 🙂 !)

Bello, ciliegina sulla torta, arrivare trafelate e scoprire la presenza inaspettata di un’amica 🙂

Bello, così bello, che vieni via con la voglia di imparare ancora di più, molto di più. Così capisci che, anche se il tuo modo di ‘panza’ di fotografare ti da grande piacere,  ‘avere il controllo’ dell’immagine può restituirti soddisfazioni ancora più grandi.

Io sono un’allieva delle peggiori, l’autodidatta per eccellenza.  Sono esattamente come chi ha imparato a guidare da sé e così facendo ha  acquistato una serie di ‘vizi’ che valgono quasi sempre la bocciatura all’esame di scuola guida. Certo non sarà un solo workshop di una giornata che mi rimetterà completamente in carreggiata. Però oggi sento di avere fatto una svolta importante, e di avere acquistato la voglia di fare un passo indietro,  tornando dalla pratica alla teoria. Ma è un passo che spero serva a prendere la rincorsa per fare un bel salto in avanti!

E adesso le mie foto di oggi, con tanto di informazioni di presa (fa così professionale, no?) e commenti liberi…


Original document: RAW image – 1/15 s ar f/5.6 +0,33, ISO 800 Focal Length 35 mm Film equiv. 84.0 mm
Camera: Panasonic G2 (micro four thirds platform) Lens: LUMIX G VARIO 14-42/F3.5-5.6

Ah, guarda qua, subito subito ti infilo il ‘tocco creativo’ e ti prendo la zuppiera di sghimbescio … giusto per capirsi su chi sono io 😀 (Ok, è venuta così per caso, giusto perché mi stavo arrampicando sulla spalla di qualcun altro di fronte a me. Ma mica dobbiamo raccontarlo al mondo, no?)

Original document: RAW image – 1/10 s ar f/5.6 +0,33, ISO 800 Focal Length 35 mm Film equiv. 84.0 mm
Camera: Panasonic G2 (micro four thirds platform) Lens: LUMIX G VARIO 14-42/F3.5-5.6

No, meglio essere più seri? Vabbè, te la raddrizzo. Ma guarda che figata quella luce radente … adesso che la vedo!

Original document: RAW image – 1/8 s ar f/3.5 +0,33, ISO 400 Focal Length 35 mm Film equiv. 28.0 mm
Camera: Panasonic G2 (micro four thirds platform) Lens: LUMIX G VARIO 14-42/F3.5-5.6

Alt! Adesso che mi ricordo, non mi hanno appena detto oggi che le foto di food non vanno MAI in formato orizzontale? Ma io sono furba e frego tutti con una visione dall’alto, hehehe. Eppoi, scusate, ma a me mi piace ! Giochi di geometrie e chiaroscuri. Sembra quasi che io sappia di cosa sto parlando …

Original document: RAW image – 1/4 s ar f/3.5 -1,33, ISO 800 Focal Length 35 mm equiv. Film 84.0 mm
Camera: Panasonic G2 (micro four thirds platform) Lens: LUMIX G VARIO 14-42/F3.5-5.6

 E questa? E’ uscita davvero dalla mia macchina? Adesso, mica dico che sia perfetta (Spot the error! Io ne vedo almeno uno, ma gigantesco), però una foto così drammatica io me medesima non l’avevo mai fatta.

E qui cosa abbiamo? La nostra Babs con le mani in pasta e noi che scattiamo, scattiamo come se non ci fosse domani…

E in ultimo un piccolo test per voi: chi riconosce quella bionda di spalle con i pantaloni mimetici ? Servisse un ‘aiutino’, gli Swarovski ci sono, anche se  da questa angolazione non si vedono 😀

DISCLAIMER: le foto che vedete sopra sono interamente frutto dei miei limiti tecnici. Incluso e a partire dai settaggi non propriamente ‘ortodossi’. Non sono un genio e una giornata di corso non riesce a trasformarmi ‘istantaneamente’ in una fotografa professionista. Sicuramente però mi dà la voglia di superare i miei limiti ed alcuni degli strumenti fondamentali per farlo.

Advertisements

13 comments

  1. Pingback: Food 4 Thought goes to school … | BarMazzini.com

  2. lo so lo so chi è la bionda di spalle, come non riconoscerla!!
    mi dici quale grosso errore vedi nella foto della torta? devo ancora mettermi le lenti è vero, ma a me sembra perfetta!

  3. Dauly, io pure sto cicatissima e rimango una ‘fotografa che fa le foto con le scarpe’, quindi tecnica pochina 😉 pero’ la vedi che brutta quell’ombra sul piedistallo dell’alzatina??? Io l’ho vista solo DOPO avere scaricato la foto e non mentre la facevo come avrei dovuto …. 😦

  4. quale ombra? quella a sinistra o quella che sembra tagliare la base? se è la seconda che ho detto potrebbe essere solo il drappeggio che ha coperto la base, se è quella a sinistra a me le ombre nelle foto piacciono, danno più profondità.
    hai mai visto un quadro senza ombre??

  5. No certo. Questa foto a me piace proprio per le ombre ‘drammatiche’. E’ quella a destra, come dici tu del drappeggio, che mi disturba ….

  6. Incredibile,dovevo esserci pure io…un vero peccato aver mancato quest’incontro!Come te avrei fatto storcere il naso per le mie imperfezioni da autodidatta,ma mi sarei davvero divertita,buona serata!

  7. C’ero anch’io!!! Giornata fantastica! Con il tuo post hai reso perfettamente l’atmosfera che si respirava ieri.
    Fortuna che fai le foto con le scarpe… son meravigliose!
    Sarà che ero distratta dal dolce ma io dell’ombra non me n’ero accorta.
    Complimenti bel blog e belle foto!!!
    Ciao, a presto
    Laura
    cucinalà

  8. Ciao Laura, sono passata a trovarti sulla tua pagina. Che bella scoperta! Bravissima. A presto.

  9. immagino che un corso come questo lasci tanto e faccia capire tanto! 🙂 io ne ho fatto uno con Davide Dutto… e avevo il cuore leggero e felice! un weekend intenso e piacevole, ma ormai è passato più di un anno e mezzo… che voglia di rifarne uno!!! un bacino, sere

  10. Ero venuta per le rape rosse, ma ho letto anche questo post.
    MI è piaciuto molto il tuo racconto, deve essere stato una giornata davvero interessante.
    Grazie per il disclaimer, mi è piaciuto moltissimo!
    Sei davvero forte!
    baciusss

  11. Sere, wow! Davide Dutto e’ bravissimo! E si, rende bene l’idea la tua immagine dell’uscire da queste esperienze ‘con il cuore leggero e felice’. E tanta, tanta voglia di fare di piu’. 🙂

  12. Pingback: marcello’s Cake… cioccolato e lamponi | Chez-Babs

  13. Pingback: marcello’s Cake… cioccolato e lamponi

Your comments feed this blog. Alex

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: