I limoni confit e il mea culpa

   Questo post è un atto di contrizione ed è dedicato alla mia amica Carla.
   L’antefatto: lo scorso weekend, Carla e la sua famiglia (che è un po’ anche come dire la mia!) erano ospiti da noi. La sera si era in cucina a preparare la cena e io stavo assemblando un’ insalata di pollo e asparagi marinati al limone e zenzero (scusami Ele, avevo in programma di mandartela ma le ‘cavallette’ non mi hanno concesso il tempo neanche per una foto!!!). Carla mi chiede: cosa sono questi che stai tagliando a dadini? La guardo non molto sicura di capire e le rispondo: limoni confit, naturalmente. Seguono ulteriori domande e spiegazioni e Carla mi chiede se ne avevo mai postato la ricetta sul mio blog. Confesso, la parola è stata più veloce del pensiero e ho risposto ‘ma no, troppo banale’.
    Il risultato è stato che mi sono ricevuta da Carla – NB: che ha fatto la maestra per tanti anni e quindi in queste cose è bravissima – un’occhiataccia di riprovazione. In altre parole, senza bisogno di aprire bocca mi ha dato della snob! E a pensarci bene non aveva tutti i torti. Il fatto che per me, e sicuramente per moltissimi, i limoni confit siano una cosa acquisita e normale non significa necessariamente che tutti ne conoscano la preparazione, il gusto particolarissimo, gli utilizzi, né tanto meno le origini.
    Per tutti quelli a cui possa interessare ne pubblico perciò qui la ricetta e qualche indicazione sull’utilizzo.
Ingredienti
6 limoni non trattati (meglio se di provenienza sicura, ad esempio dalla costiera Amalfitana)
sale fino
succo di limone q.b.

cucina dal mondo
Preparazione
   Lavate bene e asciugate i limoni. Tagliateli a ‘petalo’, ovvero a spicchietti lasciandoli però uniti alla base. Allargateli un po’ e salatene abbondantemente l’interno. Inseriteli in un vaso capace e, sempre dentro al barattolo, metteteci sopra un peso che assicuri che stiano ben schiacciati (io uso un bicchiere di vetro).
    Riponeteli in un luogo caldo, ad esempio su un ripiano alto della cucina, e teneteceli per 3-4 giorni. Al termine vedrete che sul fondo del barattolo si saranno formati 3-4 cm di liquido: sono i succhi del limone estratti dall’azione del sale. A questo punto aggiungete tanto succo di limone filtrato quanto basta a ricoprirli abbondantemente. Trasferiteli nel frigorifero e dimenticatevene per almeno 4 settimane.   Trascorso questo tempo, i limoni saranno ‘cotti’ nel loro succo e nel sale, la buccia avrà assunto una consistenza tenera e spugnosa ed il sapore sarà … tra il salato e l’amaro e l’acidulo, insomma freschissimo e molto particolare. Assicuratevi che siano sempre immersi nel succo e loro si conserveranno per mesi nel frigorifero, volendo si può continuare a ‘rabboccare’ aggiungendo altri limoni, sempre salandoli, e altro succo in modo da averne una scorta continua.

Indicazioni di utilizzo.
   I limoni confit, estratti dal loro succo, vanno tagliati a julienne o a brunoise, a seconda della preferenza. Una scuola di pensiero vuole che se ne utilizzi solo la buccia, scartando la polpa. Personalmente a volte io uso entrambi, ad esempio nelle insalate, altre solo la buccia.
Sono una preparazione di origine Maghrebina, utilizzateli perciò sicuramente nel taboulè e in molte  preparazioni Pied Noir ma anche in più occidentali insalate, in cassaroles e, perché no, nel preparare una bella linguina al limone.   Visto che il rimbrotto di Carla mi ha portato a scrivere questo post ne approfitto per proporlo ad Ale di    Le Dolcezze di Nonna Papera per il suo contest Metti la Natura Sottovetro

 

Advertisements

8 comments

  1. a volte diamo per scontate le cose che a noi sembrano normali ma per altri potrebbero non esserlo. adoro i limoni confit, sanno della mia futura casa…bacio

  2. Ale

    che meraviglia!!!!!! Grazieeeeeeeeeeeeee e grazie della segnalazione. Anche io avevo problemi con le foto, ho risolto con draft se può aiutarti….aggiorno il contest…baci

  3. meravigliosa spiegazione, ora non ti resta che invitare di nuovo Carla a cena e proporre qualche altra squisitezza e allo stesso tempo aspettare le occhiatacce, se ci saranno avrai di che scrivere. Baci e ottima preparazione

  4. @ Ele, e io ti ho pensata.@ Ale, è un piacere. Auguri per il contest, magari ti mando ancora qualcosa.

  5. Ale

    attendo…con piacere!

  6. Ottimo post, come sempre. Una preparazione che per alcuni potrà essere banale ma per tanti altri invece è sicuramente molto interessante. Bacioni

  7. Io sono d'accordo con la tua amica Carla… anzitutto le ricette semplici, quelle che appaiono scontate ma che non lo sono affatto. E' già da un pezzo che mi sono resa conto che c'è una gioventù da istruire in fatto di cucina ;)Un abbraccio 🙂

  8. Ale

    Ho aggiornato la lista =) buona settimana e grazie ancora

Your comments feed this blog. Alex

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: